Il nome della cosa

What’s in a name? that which we call a rose
By any other name would smell as sweet;

(W. Shakespeare – Romeo and Juliet)

Come declamava a suo tempo il Bardo immortale, l’identita’ di un oggetto o di una persona è racchiusa nel nome. Prendete per esempio ‘pista ciclabile’; si tratta di un appellativo conciso e al tempo stesso pienamente descrittivo di ciò di cui si parla. É evidente, per esempio, che su una pista ciclabile non si può accedere con un autobus. Per lo stesso motivo, è lampante che non si può percorrere in moto una ‘zona pedonale’.

Ci sono però nomi che lasciano spazio ad alcune ambiguita’. Per esempio, quali veicoli possono circolare su una autostrada? Chiaramente, le auto-mobili vanno bene. Camion e TIR pure, visto che le regole della circolazione li identifica come auto-carri/articolati/snodati. Da qui in poi, le cose si complicano. Non c’è alcuna ‘auto’ in uno scooter o in una moto (battuta d’antan: che differenza c’è tra una moto e una macchina? La macchina si mette in moto, ma non viceversa), ma il Codice della Strada ne consente la circolazione in autostrada; questo, a volte, crea delle situazioni un po’ forzate.
Per esempio, può capitare di trovarsi in terza corsia e dover aspettare che uno scooter ‘lanciato’ a 90 all’ora completi il sorpasso di un camion che viaggia ad 85:

Oppure, può capitare di trovare un collo di bottiglia dovuto ad un mezzo lento, e scoprire che il mezzo in questione ha due ruote e un variatore

Nonostante il permesso di usarla risalga a parecchio tempo fa, alcuni scooteristi conservano una sana diffidenza nei confronti dell’autostrada. Si noti per esempio il disagio del signore qui sotto, ripreso mentre risale una rampa di accesso.

Per straordinaria coincidenza, meno di un minuto dopo ho incontrato il suo gemello, all’uscita della medesima rampa.

Stesso scooter, stessa giacca, stesso casco; la tentazione di pensare che qualcuno abbia fatto inversione all’imbocco di una galleria è piuttosto forte. Ma è il pensiero di un momento; chi potrebbe essere così imprudente dal compiere una manovra simile all’uscita di una galleria, o nei pressi di un casello?

D’accordo, d’accordo, lasciamo in pace gli amici scooteristi; in fin dei conti, loro un paio di ruote ce l’hanno, e per andare in autostrada sono senz’altro più utili di un paio di scarpe.
Eh si, avete capito bene. Si può discutere sull’opportunita’ di far circolare un ciclo-motore un po’ cresciuto su una auto-strada, ma non dovrebbero esserci dubbi che quest’ultima non è affatto adatta ai pedoni. Eppure, qualcuno sembra non aver afferrato questo semplice concetto.
Osservate per il signore del video qui sotto.

Sono abituato a vedere cose astruse, ma un uomo col trolley da viaggio su una rampa autostradale è una sorpresa anche per me. Si possono avanzare alcune ipotesi. Per esempio, il signore in questione ha un appuntamento con un autista Bla Bla Car, e per risparmiare il sovrapprezzo si è accordato per incontrarsi direttamente al casello (dove l’autista in questione dovrebbe poi fare inversione, ma abbiamo appena visto che non è un problema).
Oppure, si è semplicemente sbagliato di rampa; intendeva prendere quella che porta all’Aeroporto, ma ha infilato quella dell’autostrada (complice anche una segnaletica che, in quella zona, non è proprio chiarissima). Questa è una spiegazione plausibile, ma resta il fatto che anche la rampa per l’aeroporto non è proprio pedone-friendly, e il modo migliore di farla è senz’altro a bordo di un taxi. Forse il fatto che siamo a Genova ha la sua importanza.

Detto questo, è da osservare che questa non è la prima volta che becco gente a passeggio sulla corsia di emergenza:

E con questo, direi che per oggi è tutto.

Son Of Giamanassa